Programma

1° giorno : Aeroporto “Rabat-Salé” » Rabat
Sistemati i bagagli entreremo in città. Cena e pernottamento in Riad.

2° giorno : Rabat » Meknes » Volubilis » Fes
Dopo colazione, partenza per Fes, sostando per la visita delle rovine romane di Volubilis, dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità.
Volubilis venne fondata dai Cartaginesi nel III secolo A.C. e dominata dai romani dal 40 D.C..
Terminata questa visita ci dirigeremo a Meknes, la capitale Ismaeliana, famosa per i suoi 40 km di mura, la porta Bab Mansour, i palazzi reali ed il quartiere ebraico.
Da qui ci trasferiremo a Fes, dove trascorreremo la notte. Pernottamento in Riad.

Dal punto di vista fotografico, Meknes in quanto città imperiale, offre spunti per l’esercizio fotografico con il cavalletto all’interno di strutture monumentali ricche di stucchi e intarsi ma con poca illuminazione.
Volublisi invece corrisponde alla nostra Pompei.

3° giorno : Fes – Visita guidata della Medina
La mattinata verrà dedicata alla visita della Medina di Fes, accompagnati da una guida turistica locale.
Fes è la più antica delle città imperiali, fondata nell’808 quale prima capitale politica, religiosa e culturale del Paese.
Iniziamo la visita attraverso le Porte Dorate del Palazzo Reale; subito dopo, da un punto di osservazione più alto, potremo ammirare le mura di cinta che inglobano l’incredibile e antica medina di Fes, dove più tardi faremo una passeggiata a piedi per sperimentare le mille sensazioni che la Medina suscita in ogni suo visitatore. Scopriremo moschee e mederse (le antiche università coraniche), caravanserragli e luoghi religiosi, fino ad arrivare al quartiere dei conciatori.
Tempo libero per pranzare (n.b. il pranzo non è incluso) e continueremo visitando il quartiere degli artigiani, i quali hanno appreso la loro arte dagli spagnoli andalusi, trasferendo poi la conoscenza in Marocco e mantenendo intatta quest’arte ancora ai giorni nostri; per questa ragione Fes merita il titolo di “città degli artigiani”. 
Al termine della visita, tempo libero.
Pernottamento in Riad.

 Fes come Meknes offre un ventaglio di fotografia monumentale, infinito. Oltre ovviamente la “street” con la ovvia difficoltà della ritrosia delle persone a farsi fotografare

4° giorno : Fes » Midelt » Valle dello Ziz » Erfoud » Dune di Merzouga
Dopo colazione partiremo per Ifrane, una bella località posta a 1650 mt sul livello del mare, soprannominata la “Svizzera del Marocco’’, dove sarà possibile ammirare le cicogne che nidificano sui tetti delle case.
Ci sarà tempo per una passeggiata ad Ifrane e si ripartirà in direzione di Merzouga, nel deserto del Sahara.
Il primo villaggio che incontreremo lungo la strada è Azrou, di origine berbera, situato nel cuore di un parco naturale di 53.000 ettari su un altopiano calcareo delimitato da foreste di cedri e lecci, in mezzo ad antichi vulcani. 
Azrou è molto famosa anche per la presenza di molte scimmie nella foresta che la circonda.
Valicheremo il Medio Atlante fino al passo dello Zad e alla cittadina di Midelt a 1488 mt di altitudine, dove sosteremo per il pranzo, per por riprendere la strada che prosegue attraverso le bellissime gole dello Ziz fino ad arrivare ad Er-Rachidia, nella provincia del sud.
Si arriva quindi a Erfoud, la porta del deserto e da qui a Merzouga nel tardo pomeriggio.
Prima del tramonto con i dromedari attraverseremo le dune del Sahara per poter trascorrere una notte magica sotto un cielo carico di stelle (Via Lattea compresa).
In questa serata è prevista un’ottima cena tipica intorno al fuoco con una festa al ritmo dei tamburi, cantando le canzoni dei berberi e delle popolazioni del sud del Marocco (notte in accampamento in una tenda berbera).

Questa è una tappa lunga che nella parte prossima al deserto, offre vari spunti panoramici. Oltre la notte nel deserto naturalmente

5° giorno : Merzouga » Gole del Todra » Gole del Dadés » Valle del Dadés

Sveglia presto al mattino per vedere l’alba e i diversi colori delle dune rispetto a quelli del tramonto.

Dopo colazione si farà rientro a dorso di dromedario e dopo aver sistemato i bagagli partiremo in direzione delle Gole del Todra, dove è stato girato il film Lawrence d’Arabia; queste sono tra le più belle Gole del Marocco meridionale, con le sue alte pareti di roccia rossa (alte fino a 300 mt) ed attraversate da un tranquillo corso d'acqua.
Qui sosteremo per il pranzo e da qui ripartiremo verso Boumalne Dadès da dove inizia l’omonima valle lunga 25 km che arriva fino alle gole, dove faremo una passeggiata in mezzo alla rigogliosa e verdeggiante vegetazione in contrasto con la roccia rossa circostante, e dove le costruzioni in pisé assumono lo stesso colore delle rocce. 
Lungo questa valle è tutto un succedersi di ksour. Cena e pernottamento in hotel in Dades. 
  

6° giorno : Valle del Dades » Skoura » Ouarzazate» Aït Ben Haddou » Marrakech
Dopo colazione riprenderemo il viaggio lungo la strada delle Mille Kasbah, costellata di grandi kasbah su entrambi i lati.
Alcune di queste antiche case fortificate sono state restaurate, ma purtroppo molte di esse sono in rovina.
Attraverseremo la Valle del Dades , Ammireremo i paesaggi magnifici della colorata Valle delle Rose prima di arrivare al palmeto di Skoura. Dopo altri 45 km arriveremo a Ouarzazate, nota come la Hollywood d’Africa, dove se lo desiderate, visiteremo i set e studios cinematografici.
Visita del sito UNESCO patrimonio dell’umanità di Ait Ben Haddou, la cui famosa kasbah è stata il set di oltre 20 film fra cui “Il gladiatore”, “Indiana Jones” e “Lawrence d’Arabia”.
Passeggiando ammireremo lo stile architettonico tradizionale marocchino con il quale sono costruite le Kasbah.
Si prosegue per Marrakech attraverso le montagne dell’Alto Atlante e il passo Tizi n’Tichka. 
Sosta per il pranzo nel mezzo delle montagne dell’Alto Atlante. Nel tardo pomeriggio arriveremo a Marrakech.
Pernottamento in Riad.

7° giorno : Marrakech – Visita guidata della Medina
Dopo colazione con la nostra guida locale inizieremo il tour della Medina di Marrakech; visiteremo la famosa Piazza Jemaa el-Fna, il luogo in cui si concentra maggiormente la vita della città: incontreremo artigiani che vengono a vendere i loro manufatti, commercianti berberi che portano i loro prodotti, sentiremo la musica degli incantatori di serpenti che echeggia nell’aria, donne che vorranno disegnare le vostre mani con l’hennè, scimmie da fotografare, carretti di arance per le spremute e tanto altro ancora.
E’ un posto estremamente allegro e vitale grazie anche alla presenza del suo grande souk (mercato). 
Il centro di Marrakech si gira tranquillamente a piedi ed ecco che dopo una bella camminata arriviamo alle tombe Saadiane che furono costruite ai tempi del gran sultano Ahmad I al-Mansur (1578- 1603) e usate per i membri della dinastia Saadi.
Incontreremo il minareto della Koutoubia, uno dei monumenti islamici più belli del nord Africa (il minareto non è visitabile all’interno); la sua torre propone ornamenti diversi su ogni lato, ai suoi piedi i giardini.
E poi ancora il Palazzo Bahia, costruito nel 19° secolo (1867) dal Sir Moussa, come residenza del sultano.
Bahia significa brillante, infatti nel 19° secolo i Marocchini pensarono di aver costruito il più grandioso palazzo di tutti i tempi.
Qui potremo ammirare una serie di giardini stupendi poi più tardi raggiungeremo i Giardini Majorelle. 
Al termine della visita, tempo libero.
Pernottamento in Riad.

 

 

8° giorno : Marrakech » Rabat » Aeroporto Rabat Salé
Dopo colazione, via autostrada, ci trasferiremo a Rabat, capitale amministrativa del Marocco nonché città imperiale, Patrimonio dell’Umanità.
Al nostro arrivo avrete tempo per visitare il centro storico della “Kasbha Odaya“, la Torre “Hassan II” ed il Mausoleo.

3 ore prima della partenza del vostro volo, trasferimento in Aeroporto Rabat-Salé per il volo di ritorno.